07 settembre 2011

L'isola sotto il mare

Mi chiedevo ieri sera perchè se questo blog è la mia finestra sul mondo "allargato", non debba condividere con voi quello che mi frulla nella testa. Bè ... magari non proprio tutto! Non credo che interessi! :-)
Comunque eccomi qui a parlarvi di un libro che ho terminato l'altra sera e pensavo così di inaugurare un altro filone delle mie chiacchiere.

Ho realizzato che tranne l'elenco dei libri preferiti ed uin post sul libro Innocente, di un pò di tempo fa, non hovi ho mai parlato dei libri che leggo, che pure sono tanti e non tutti poi graditi.

Per principio, quando comincio a leggere un libro, lo finisco anche se non mi è gradito nella storia, nel modo di scrivere etc. etc.

Solo due volte non ci sono proprio riuscita ... non vi dirò i titoli, qualcun altro può averli apprezzati ...  aggiungo che per uno ho provato anche a riprendere la lettura ma proprio non ci sono riuscita ....




Questo di cui voglio parlarvi l'ho cominciato a leggerlo circa una decina di giorni fa, la storia prende davvero, per cui il libro si deve finire. :-)

Isabel Allende scrive sempre in modo molto discorsivo facendoti "entrare" nella storia; è bravissima e questo non è' l'unico libro scritto da lei che ho apprezzato.

La storia ruota attorno alle vicende di una schiava alla fine del 1700 nell'isola di Santo Domingo, ora Haiti. La sua vicenda personale sullo sfondo una società schiavista in fuga da un'isola in rivolta.

Non andrò oltre nella storia, mi limiterò a dirvi solo che è davvero un bel libro, quello giusto per chiudere una giornata.

A presto

2 commenti:

  1. Ho letto solo tre romanzi di Isabel Allende ma mi sono molto piaciuti.
    Anche questo entra nella lista dei desideri...infinita..

    RispondiElimina
  2. Te lo consiglio vivamente, davvero un romanzo di quelli che ti lascia soddisfatta dopo la lettura.

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un pensiero.

LinkWithin

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin